Menu principale:

Trapani Invittissima di Salvatore Accardi

Cerca
Cerca

Vai ai contenuti

Bellini e Rossini

Trapanesi illustri > Musicisti


Vincenzo Bellini e la lettera di Gioacchino Rossini


Nell'aprile 1878, il notaio Gaspare Patrìco Malato, cavaliere dell'ordine di San Maurizio e Lazzaro, donava alla biblioteca Fardelliana una lettera in cui era annotata: dono della sorella del Bellini al Cav. Gaspare Patrico. La lettera, scritta da Gioacchino Rossini all'avvocato Filippo Santocanale di Palermo, è complemento ai fatti accaduti tra il 1835 e il 1836. In quegli anni il notaio catanese Luigi de Monaco e Petrosino rogava una procura a favore di Gioacchino Rossini, con la quale gli eredi di Vincenzo Bellini lo incaricavano ad esercitare le azioni civili a tutela della loro eredità. Inoltre, davano incarico all'avvocato Filippo Santocanale a riscuotere le somme dello scomparso musicista, a Salvatore Ursini di recuperare lo spartito dei "Puritani" e a Francesco Florido la corrispondenza e i documenti del musicista catanese.

Home Page | Trapani Invittissima | Trapanesi illustri | Processioni e Congregazioni | Chiese e Monasteri | Autori | Foto e video | Links | Mappa del sito


Menu di sezione:


Torna ai contenuti | Torna al menu