Menu principale:

Trapani Invittissima di Salvatore Accardi

Cerca
Cerca

Vai ai contenuti

www.trapaniinvittissima.it Sito web di interesse storico e culturale, senza alcuno scopo di lucro, sulla "Trapani antica". Pubblicazione di editoriali, trascrizione e prosopopea di testi e scritture notarili inediti a cura di Salvatore Accardi

L'apparato della cena domini di Domenico Nolfo

Sapevamo che l'artista realizzò apparati funebri per agiati defunti mercanti, ma finora non conoscevamo la sua investitura di "direttore dei lavori" del suo stesso progetto nel rappresentare la coena domini del giovedì santo nella cappella dell'ospedale, che forse, si compì alla presenza di autorità cittadine e militari.

Raffronto di pesi e misure siciliane del 1809 con il sistema metrico decimale


... Al fine di facilitare l'euristica del sistema di "pesi e misure" prima e dopo il 1809 con il sistema metrico decimale si pubblicano le tabelle comparative, che potranno essere d'ausilio nel computo delle rispettive equivalenze.


Ignazio Maria Polizzi, "
primo maestro" della scuola dei naviganti di Trapani

Il 13 gennaio 1814, Polizzi fu nominato maestro lettore di teoria e di pratica della navigazione dalla marineria trapanese, i cui consoli gli garantirono lo stipendio di 10 onze mensili. Ma, le lezioni del novello maestro non furono adeguatamente remunerate tanto che nel corso di due anni d'insegnamento era creditore di un bel gruzzolo non riscosso.

San Michele Arcangelo discaccia i demoni ... in America

L'opera fu modellata in un unico pezzo d'avorio e stante alle affermazioni di un testimone coevo, l'artista "la faceva vedere spesso a tutti li forestieri che approdavano in questo porto, quale per avergli riuscita sublimissima la trattenne sempre presso seco a tutti, ripolendola di giorno in giorno e per un corso di anni e per la continua e delicatissima applicazione ne uscì finalmente pazzo, e con tale malattia se ne morì". ...
Un indizio labile di attribuzione ad Alberto Tipa si evince nell'attestazione di Giuseppe Maria Fogalli, quando annota nel suo manoscritto che la scultura fu spedita a Vienna e probabilmente vi dimorò per tantissimi anni, tanto che, persa la memoria, per campanilismo è stata attribuita allo scultore austriaco Jacob Auer.

Baldassare Reggio contro Giovanni Biagio Amico


Circa settanta anni dopo l'accordo, o lodo del 1739, tra il ciantro Giovanni Biagio Amico (1684-1754) e l'arciprete Baldassare Reggio (1677-1765) sulle preminenze, privilegi e quant'altro attinente alle sacre funzioni religiose, riguardante anche le processioni e i paramenti sacri, continuarono le liti e i battibecchi a suon di carta notarile e di dispacci episcopali tra la collegiata chiesa di San Lorenzo e l'arcipretale chiesa di San Pietro. Perfino alla soglia dell'ottocento le diatribe persisterono e furono disbrigate nei soliti studi notarili e nella cancelleria foranea tra il ciantro Diego de Luca (1744-1826) e l'arciprete Michele Tortorici (1757-1828).

L'altra cappella dei naviganti della "Marina Grande" di Trapani


Tra le "carte" di un notaio trapanese scopriamo la scrittura con cui i capitani e i proprietari di navigli elessero amministratore il capitano Vito Gaetano, per ampliare e decorare la cappella d'antica conformazione dedicata alle anime purganti, di defunti sepolti nel fosso intermedio la porta austriaca e quella della Madonna, allora situata nelle vicinanze del castello di terra.

I documenti, bisogna ricordare, non sono la Storia, ma gli elementi che contribuiscono a fare la Storia.
Presi singolarmente, essi dicono solo parte della verità, e talvolta, una parte molto fuorviante. (Denis Mack Smith)




.

www.processionemisteri.it di Salvatore Accardi un sito diverso sulla vera storia della processione dei Misteri di Trapani, sui contratti di concessione tratti da documenti archivistici; foto e video.

Home Page | Trapani Invittissima | Trapanesi illustri | Processioni e Congregazioni | Chiese e Monasteri | Autori | Foto e video | Links | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu